Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham escluso dal Mondiale. Southgate: “Segna poco”

L’attaccante ex Chelsea resterà con la squadra durante il Mondiale

Alla fine è arrivata l’ufficialità. Tammy Abraham non parteciperà al Mondiale con l’Inghilterra, al suo posto ci sarà Callum Wilson del Newcastle. Una decisione che era nell’aria da alcuni giorni, confermata ieri dalla lista ufficiale presentata dal CT Southgate. Scelte che hanno fatto rumore in Inghilterra, soprattutto per l’esclusione dai convocati di Tomori del Milan, uno dei migliori difensori della Serie A.

Un’idiosincrasia per chi gioca in Italia di cui Smalling è il massimo rappresentante e che alla fine ha punito anche Abraham, reo secondo Southgate “di aver segnato poco nel momento sbagliato“. Quello delle scelte. Avvitato in «un circolo vizioso di pensieri» e gol mangiati che gli è costato la Nazionale, ma dal quale sembra esser uscito con il gol e le scuse di mercoledì sera. Forse l’unica buona notizia nella serata di Sassuolo.

Chi invece al Mondiale è sicuro di andarci è Zalewski, inserito tra i 26 convocati della Polonia che al girone sfiderà l’Argentina di Messi e forse Dybala. Per lui bisognerà aspettare il 14 novembre, giorno delle convocazioni e ultimo utile per la presentazione delle liste. Altro romanista ufficialmente in Qatar è Rui Patricio, totem del Portogallo di Cristiano Ronaldo. Chi si sente con un piede e mezzo dentro, ma aspetta ancora l’ufficialità, è Viña, panchinaro alla Roma ma uomo di fiducia del CT uruguaiano Alonso. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa