Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala subito, Wijnaldum poi: così si ritorna ai sogni estivi

L’argentino può esserci contro il Toro

E allora adesso si tratta di vincere a tutti i costi la sfida di domenica pomeriggio contro il Torino e poi di mettersi lì, a lavorare, per ripartire alla grande nel 2023. Dove a gennaio la Serie A metterà i giallorossi subito di fronte ad mese di quelli da far tremare i polsi, con le sfide a Fiorentina, Milan e Napoli intervallate da quelle a Bologna e Spezia. Insomma, c’è da accelerare subito, da spingere immediatamente sull’acceleratore per non perdere troppo contatto con quel quarto posto che è poi il vero obiettivo della Roma. Ma come si riparte verso il 2023?

Si ripartirà soprattutto da chi non c’è stato o c’è stato solo per un po’. E ci riferiamo ovviamente a Wijnaldum e Dybala, il due gioielli del mercato giallorosso, che per un motivo o per l’altro non sono riusciti a dare l’apporto desiderato. Ma se l’argentino ha comunque contribuito finché ha potuto ed a gennaio bisognerà solo capire quanto e come tornerà stanco dal Mondiale (sempre che Scaloni alla fine lo convochi davvero), per l’olandese c’è qualche dubbio in più. Basti pensare alle parole di Mourinho subito dopo il derby, quando l’allenatore della Roma si è lanciato in un “spero di riavere Gini per gennaio”. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa