Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio-Monza, ancora cori antisemiti dalla Curva Nord

Dopo i fatti del derby, altre frasi discriminatorie di natura religiosa: ecco il comunicato del Giudice Sportivo.

Dopo il derby, da parte di alcuni tifosi della Lazio presenti in Curva Nord, sono partiti ancora “cori oltraggiosi e discriminatori di natura religiosa (antisemiti ndr)”. E’ successo durante Lazio-Monza, gara disputata ieri sera e vinta dai biancocelesti per 1-0. Il giudice sportivo Gerardo Mastrandrea, nel suo comunicato,  “in relazione al rapporto della Procura federale pervenuto in data odierna in ordine ai cori oltraggiosi e discriminatori di matrice religiosa, rivolti a tifoseria di altra società, effettuati dai sostenitori della Lazio assiepati in curva Nord, comunica che assumerà le determinazioni di competenza in esito alla richiesta interlocutoria di approfondimenti disposta per altro incontro con C.U. n.87 dell’8 novembre 2022”.

In occasione della partita del Monza, alcuni tifosi biancocelesti avevano anche srotolato uno striscione a favore dell’ ‘ambasciatore dei Mondiali’ in Qatar, l’ex calciatore Khalid Salman, secondo il quale l’omosessualità è “una malattia mentale”.

Le sanzioni, tuttavia, dovrebbero essere attenuate, a norma di regolamento, dal fatto che la Lazio società ha collaborato fattivamente con le forze dell’ordine. Lo riferisce ANSA.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News