Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Amelia: “Gli ultimi 20 minuti col Torino fanno ben sperare. Dybala in campo cambia tutto”

Le parole dell’ex portiere sul momento della Roma di Mourinho

Marco Amelia, ex portiere giallorosso, ha parlato della Roma a margine della Partita della Pace. Si è soffermato sugli ultimi 20 minuti di gara contro il Torino e, in particolare, sul rientro di Paulo Dybala:

Ho visto la partita della Roma domenica. Abbiamo sofferto un po’, ma ci sta il Torino è una squadra che dal punto di vista atletico ti mette in difficolta. Devo dire che la Roma finisce il campionato bene, gli ultimi 20 min sono qualcosa che fanno ben sperare. Soprattutto è rientrato Paulo, si è vista la qualità del ragazzo, la qualità in campo. Soprattutto si è visto quello che cambia, un giocatore così forte cambia tutto. Cambia l’ambiente, lo stadio è diventato un’altra cosa. Siamo riusciti a recuperare una partita dopo pali, traverse, rigori sbagliati. Io credo che qualcosa di positivo si debba tirare fuori da questi ultimi 20 minuti. La Roma ha fatto un 2022 coi primi 6 mesi dell’anno, gli ultimi della passata stagione in cui è riuscita a vincere la conference. È ripartita e sono arrivati giocatori importanti. Il mister sta lavorando cercando di far crescere un ambiente che all’interno dello spogliatoio ha bisogno di alzare l’asticella. Sono convinto che ripartirà alla grande, perché ci sono qualità morali, umane e tecniche. Soprattutto in panchina abbiamo Mourinho e da questo punto di vista dono molto positivo per il futuro. Non sarà facile perché ci sono molte squadre forti, c’è da risalire un po’ in classifica.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News