Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum preoccupa la Roma: difficilmente sarà pronto a gennaio. Quali rinforzi?

L’olandese continua nel suo recupero

Il 4 gennaio la Roma si ripresenterà per la seconda parte della stagione probabilmente senza un sostituto di Karsdorp, ormai alla rottura totale con la società, non potrà ancora contare su Wijnaldum, che sarà in campo solo tra febbraio e marzo e alla fine potrebbe avere in più solo Solbakken, ufficializzato ieri.

La preoccupazione di Mourinho nasce da una rosa mutilata da infortuni e da rinforzi mai arrivati. Manca ancora quel difensore centrale che aveva chiesto sin dall’estate e che alla fine non è arrivato. Smalling non può giocarle tutte e Mancini e Ibanez, esclusi dalle ultime convocazioni delle Nazionali, hanno dimostrato negli anni qualità e difetti.

Ma non è solo la difesa a creare problemi. Per l’infortunio di Wijnaldum non ha mai potuto far giocare il centrocampo che ha in testa e in attacco i problemi sono sotto gli occhi di tutti. Mourinho sta studiando come intervenire, senza escludere nulla. Neppure una soluzione drastica, adottata a San Siro contro l’Inter, che è quella di rinunciare al centravanti di ruolo, con Dybala falso nueve, Zaniolo guastatore e Pellegrini trequartista. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa