Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Solbakken studia la Roma: il Bodo non lo libera

Il Bodø non concede il nulla osta a Solbakken

Conto alla rovescia per vestire finalmente la maglia della Roma. Ola Solbakken smania dalla voglia di cominciare la sua nuova avventura a Trigoria e lavorare con José Mourinho.

Lo scorso 21 novembre il ventiquattrenne era sbarcato nella capitale per completare le visite mediche di idoneità sportiva e firmare il contratto che lo legherà fino al 2027 per circa un milione di euro pi bonus.

Due giorni indimenticabili, ma anche la delusione per non potersi mettere a disposizione della Roma prima del 2 gennaio. Il Bodo fin qui non ha infatti concesso il nulla osta al giocatore per potersi allenare prima della scadenza del contratto, il prossimo 31 dicembre. Il motivo? I contrasti passati tra il club norvegese e la Roma per la lite furiosa tra il tecnico Knutsen e il preparatore giallorosso Nuno Santos. Solbakken sta provando a sbloccare la situazione per poter essere a disposizione di Mourinho nel ritiro in Portogallo e non tra 27 giorni.

In vacanza in Messico, Solbakken non smette di lavorare tra palestra e tanta corsa. Pratica, ma non solo. Perché nei compiti per le vacanze c’è anche la teoria, la parte più importante per entrare immediatamente nei meccanismi di squadra. Mourinho ha infatti voluto affidargli lo studio della parte tattica della Roma, un’infarinatura dei movimenti in campo ma anche di ciò che il tecnico ha intenzione di cambiare per la ripresa della stagione. Da esterno puro, Solbakken dovrà lavorare per riuscire a inserirsi nel contesto di un 3-4-2-1. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa