Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Nela, “E’ un problema di personalità, non è colpa di Di Francesco”

L’ex difensore giallorosso: “La personalità o ce l’hai o non ce l’hai, non può essere l’allenatore a inculcartela”.

La Roma non c’è sempre destinata a una stagione ben al di sotto delle aspettative. Mentre i tifosi si dividono nell’attribuire le responsabilità di questa debacle tra società, tecnico e giocatori, una voce autorevole prende una posizione netta. Sebino Nela, infatti, si schiera contro quella che è la sua categoria. L’ex calciatore, campione d’Italia 1981-82, prende le difese di mister Di Francesco.

Intervenuto nel Maracanà di RMC Sport, Nela punta pone la lente sulla mancanza di personalità dei giocatori. Questa la sua analisi: “La Roma è decisamente penalizzata dai tanti infortuni. Le frasi di Di Francesco sulla panchina? Bisogna capire se si riferisce alla qualità o alla quantità dei giocatori a disposizione. Il pareggio con il Cagliari non è questione di panchina, una squadra come la Roma deve saper gestire una partita del genere: stiamo parlando di un doppio vantaggio, per giunta in superiorità numerica. Non riesco a dare troppe colpe a Di Francesco, in campo ci vanno i giocatori. La personalità o ce l’hai o non ce l’hai, a inculcarla nei calciatori non può e non deve essere sempre l’allenatore: gran parte delle responsabilità sono da attribuire a chi scende in campo”.

Decisiva, non per la classifica ma per il futuro del tecnico abruzzese, la partita di mercoledì in Champions contro il Victoria Plzen.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News