Resta in contatto

Prima Squadra

Roma-Virtus Entella, Monchi: “Per noi la Coppa Italia è molto importante”

“Rispetto per l’Entella, ma dobbiamo passare il turno”.

Ramon Monchi, ds della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni poco prima del fischio d’inizio del match di Coppa Italia con la Virtus Entella. Queste le sue parole:

Quanto è importante questa partita? 
Per noi è molto importante. Credo che il mister e tutti noi abbiamo detto che la Coppa Italia è molto importante. Dobbiamo dare il rispetto che merita all’Entella ma dobbiamo andare avanti.

Il mercato? Tonali, Barella e Belotti? 
Sono giocatori di squadre diverse e non parlo dei giocatori che non sono della Roma. Io ieri ho ascoltato il mister e ha detto lo stesso che ho detto io alla gazzetta. Noi stiamo cercando nel mercato qualche giocatore per alzare il livello ma se non lo troviamo non fa niente e rimaniamo cosi. Abbiamo dei limiti per fare le trattative e abbiamo fatto grandi investimenti in estate. La squadra per me è forte e non dobbiamo pensare che la soluzione sia fuori dalla squadra ma è dentro di essa.

Schick e Pastore. Come valuta le loro situazioni? 
Io sono venti anni che faccio il direttore sportivo e non ho mai fatto valutazioni a metà stagione. Devono migliorare il loro rendimento ma c’è ancora tempo. Ti posso raccontare molte storie di giocatori che non hanno iniziato bene e poi hanno fatto grandi cose. Mi auguro che Schick e Pastore facciano una bella partita e sono convinto che siano ancora giocatori importanti per la Roma.

Il centrocampo italiano può diventare la base per il rilancio? 
Si, noi siamo contenti che il centrocampo della Roma sia pieno di italiani e di giocatori forti. Speriamo che questa sia la base per un futuro importante per la Roma e per la Nazionale.

De Rossi? 
Noi abbiamo parlato di questo. Daniele per noi è importantissimo, sono due mesi e mezzo che è infortunato ma siamo convinti che piano piano sta guarendo e pensiamo che possa essere pronto per la seconda parte di stagione.

State pensando a Badelj? 
Prima ho detto che non parlo dei giocatori che non sono della Roma figuriamoci di uno della Lazio (ride ndr). Lo volevo prendere quando ero al Siviglia prima che andasse all’Amburgo ma in questo momento non ci stiamo pensando.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra