Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Nzonzi: “Avevo bisogno di una nuova sfida perché dopo 3 anni a Siviglia ho sentito di aver bisogno di qualcos’altro”

Il centrocampista giallorosso ha rilasciato un’intervista a Canal Plus

Steven Nzonzi, centrocampista della Roma, ha rilasciato un’intervista a Canal Plus nella quale racconta gli ultimi mesi della sua carriera. Queste le parole del francese:

Sei mesi dopo la vittoria, come è cambiata la tua vita dopo la Coppa del Mondo?
Non la mia vita in realtà, ma ovviamente ha cambiato la mia vita da calciatore avendo vinto il trofeo più importante che ci sia, il trofeo che tutto il mondo sogna, ma nella mia vita non è cambiato moltissimo. È vero, vengo riconosciuto di più in Francia, ma è tutto qui. Sono felice di aver partecipato a questo grande momento per tutto il Paese. È stato magnifico.

Come ti sei rimesso in gioco non potendo oggettivamente arrivare più in alto rispetto alla Coppa del Mondo?
Si può comunque crescere individualmente anche se non puoi comunque vincere qualcosa di più grande rispetto alla Coppa del Mondo. Puoi comunque diventare un giocatore migliore, penso sia l’obiettivo di qualsiasi calciatore.

E nel tuo quotidiano, questo come si manifesta?
Con il lavoro quotidiano. Ora ho 30 anni, guardo le cose in modo diverso rispetto a quando ero più giovane. Tutto questo viene automatico, bisogna restare tranquilli e concentrati.

Sei contento a Roma?
Sì, sono contento. Avevo bisogno di una nuova sfida perché dopo 3 anni a Siviglia ho sentito di aver bisogno di qualcos’altro. Non è sempre facile, ma avevo bisogno di una sfida come questa per andare avanti.

Hai giocato in Inghilterra, in Spagna e in Italia, mai in Francia.
Perché, non potrei farlo un giorno? Sarebbe bello giocare nel mio Paese. Potrebbe anche succedere un giorno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News