Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Spal-Roma, Mattioli: “Non abbiamo sbagliato nulla. Complimenti a tutti coloro che sono scesi in campo”

Il presidente dei ferraresi nel post gara: “Quando si gioca così c’è solo da essere contenti e festeggiare”

Dopo la vittoria per 2-1 contro la Roma, ha parlato il presidente degli estensi Walter Mattioli. Le sue dichiarazioni:

C’è poco da dire, quando si gioca così bisogna solo essere contenti e festeggiare. Ho sempre più la convinzione che se avessimo giocato così anche a Milano saremmo stati in grado di guadagnare tre punti anche là. Qualche sassolino me lo tiro via anche io ogni tanto. Per salvarsi bisogna giocare come oggi, non c’è altro sistema. Bisogna fare i complimenti a tutta la squadra, ai giocatori e al mister che hanno interpretato in un modo meraviglioso la gara contro una grande squadra che fino a una settimana fa era in Champions League. Siamo stati perfetti senza sbagliare nulla. Il mister ha azzeccato ogni mossa dalla panchina e ha costruita una grandissima gara, di temperamento e di energia. I giocatori avevano voglia di vincere e questa carica deve essere riproposta fino alla fine del campionato. È l’unica strada da seguire. I ragazzi hanno fatto veramente una gara speciale e non posso non essere contentissimo esattamente com’era lo stadio al fischio finale. Delle gare di questo tipo non fanno altro che rendere ancora più orgogliosi, i tifosi, i dirigenti e tutti quelli che lavorano nel mondo Spal. Siamo tutti speciali. Ho visto ogni singolo giocatore in maniera egregia e i complimenti vanno a tutti coloro che sono scesi in campo“.

Come è stato il rendimento di Fares?
Se devo essere sincero anche io a inizio anno mugugnavo un po’, poi col passare del tempo ho capito che abbiamo una grande giocatore che sta migliorando giornata dopo giornata. Credo che con lui e Lazzari abbiamo due esterni davvero notevoli. Il recupero di Manuel è stato importante ma ancora di più è stato ritrovare la vittoria in casa. Ora continuiamo così“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News