Resta in contatto

Edicola

L’Edicola, un punto che non serve a nessuno. Oggi l’incontro tra dirigenza e agente di Zaniolo

Tutta la rassegna stampa in un click

IL MESSAGGERO – All’Olimpico la Roma non vince nemmeno contro la Fiorentina: un pareggio che non migliora la classifica e che delude ancora i tifosi giallorossi. I 30.00 presenti allo stadio (sfiorato il record negativo della gara casalinga contro il Genoa) fischiano all’annuncio delle formazioni, risparmiati solo Zaniolo e De Rossi. Applausi per Vincenzo Montella in tribuna.
Dopo le brutte prestazioni di Olsen, Ranieri ha schierato Mirante che, nonostante i due gol subiti, è stato il migliore della Roma insieme a Zaniolo.

LA GAZZETTA DELLO SPORT – Due mesi dopo il clamoroso 7-1 per i viola al Franchi, la Roma, in casa, non riesce a vincere contro la squadra di Pioli e si porta a casa un punto inutile per la corsa Champions. Il migliore dei giallorossi, senza ombra di dubbio, è stato Nicolò Zaniolo che, dopo aver segnato il gol del momentaneo 1-1, è intervenuto ai microfoni parlando del suo possibile rinnovo e dell’incontro con la dirigenza.
A fine gara hanno parlato anche il mister Ranieri e Diego Perotti. Sir Claudio ha dichiarato che la Roma scesa in campo è stata una grande Roma nonostante il pareggio. L’argentino, invece, si è soffermato sull’obiettivo Champions.

IL TEMPO –  Il pareggio, partorito tra Roma e Fiorentina, non serve a nessuna delle due per avvicinarsi all’Europa. La Roma ci mette il cuore stavolta ma non basta. Per ottenere le vittorie necessarie ad un posto Champions, i giallorossi si affidano anche alle giocate di Nicolò Zaniolo: il 22 resta fuori dalla rivoluzione in arrivo a Trigoria a fine stagione, ma il suo futuro alla Roma non è ancora sicuro. A fine partita il giovane centrocampista ha dichiarato che la sua volontà ora è quella di incontrare la dirigenza, nonostante il suo unico pensiero sia il campo.
Intanto Ranieri, per la sfida contro la Sampdoria potrebbe aver recuperato El Shaarawy e Florenzi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola