Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 5 aprile 2009: la Roma batte il Bologna grazie alla doppietta di Totti su rigore

Il capitano prima porta in vantaggio la Roma, poi atterra nuovamente i rossoblu mettendo a segno una doppietta. Roma sempre più vicina alla zona Europa

Il 5 aprile del 2009 la Roma batteva il Bologna di Sinisa Mihajlovic grazie alla doppietta di Francesco Totti. I giallorossi, in un annata non del tutto positiva, trovano tre punti fondamentali per provare a centrare la zona Europa, ormai a poche lunghezze di distanza. Entrambe le squadre partono forte, con la Roma che in più di un’occasione cerca di trovare subito il vantaggio.

Al 12′ minuto Tonetto entra in area e viene atterrato da Lavecchia; per Damato non ci sono dubbi, è calcio di rigore. Dal dischetto parte Francesco Totti, l’ex Antonioli intuisce l’angolo ma non riesce a stoppare il pallone. 1-0 e Roma in vantaggio. I giallorossi cercano di gestire il gol di scarto, ma al 26′ arriva il gol del Bologna firmato Marazzina, che dagli sviluppi di un calcio d’angolo insacca di testa. La Roma soffre, cerca il gol del vantaggio, ma il più delle volte spreca le occasioni create.

Nel finale rischia anche di trovarsi in svantaggio, ma il palo nega la gioia del gol a Di Vaio. Il primo tempo termina in pareggio. Nella ripresa entrambe le squadre provano a ribaltare il risultato, ma senza riuscirci. L’occasione giallorossa arriva però al 58′, quando Julio Baptista viene colpito da Castellini in area, procurandosi il secondo calcio di rigore. Anche questa volta dal dischetto va Totti, che spiazza completamente Antonioli, riportando in vantaggio la Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord