Resta in contatto

News

Conferenza Stampa, Ranieri: “Zaniolo vuole restare, la Roma lo vuole tenere. Confermo Mirante”

Il tecnico giallorosso: “Per Perotti nulla di grave, ma non sarà disponibile domani, spero di averlo la prossima settimana”

Si è conclusa da pochi minuti la conferenza stampa di Claudio Ranieri, in vista del prossimo appuntamento della squadra contro la Sampdoria a Genova, sabato alle 20:30:

Quali sono le condizione degli infortunati?

Santon farà la risonanza oggi, ho paura che sia qualcosa di importante. Per Perotti nulla di grave, ma non sarà disponibile domani, spero di averlo la prossima settimana, El Shaarawy è recuperato. Pastore sta cercando la migliore condizione fisica e Florenzi tornerà la prossima settimana.

Quali sono i fattori positivi dopo Roma-Fiorentina

Capisco che il punto può sembrare non sufficiente, ma abbiamo fatto una prestazione migliore, questo fa capire ai ragazzi che stanno bene. Spesso è la testa che ti fa sentire stanco o non positivo. Aver rimontato due volte significa lavorare molto sulla testa, e di questo sono contento.

Schick cerca il riscatto, è l’ex della partita. Terrà in considerazione questo aspetto?

Sono valutazione che un allenatore deve considerare, lo farò anche io.

De Rossi ha giocato contro il Napoli avvertendo qualche problema. Ritiene sia pronto per affrontare 90 minuti?

Come ho detto l’altra volta, devo vedere quali sono i giocatori che hanno 90 minuti nelle gambe. Daniele voleva esserci anche mercoledì, è un giocatore che può darci un enorme aiuto in questa fine di campionato.

Under dal primo minuto?

Sta lavorando molto bene, non ha ancora 90 minuti nella gambe. Tra oggi e domani mattina valuterò i titolari.

Hanno fatto discutere le dichiarazioni di Zaniolo. Si sente di dire che il ragazzo sarà un punto fermo della Roma del futuro?

Nicolò ha detto più volte che ama restare a Roma, ma la società non ha intenzione di venderlo e lui non vuole andare via. Capisco che faccia notizia quello che ha detto, ma facciamolo arrivare a luglio in modo che possa fare un altro anno di contratto.

Olsen è in dubbio, giocherà Mirante?

Si, ha giocato bene. Penso di confermarlo, così da non fare un torto a nessuno. Io sono restio a cambiare, la psicologia di un portiere è particolare. Robin ha tutta la mia considerazione.

Under e Kluivert, con la loro freschezza, possono essere decisivi in questo finale di stagione? A proposito dell’olandese, ha parlato con la società per valorizzare qualche giocatore per il futuro della Roma?

Non ho capito se i mugugni dopo la sostituzione di Kluivert erano riferiti a lui, o a me che lo andavo a sostituire, lo dico chiaramente ho fatto un errore: dovevo togliere Perotti, perché non aveva i 90 minuti. Io di Kluivert sono molto contento, non è facile lasciare la propria casa e venire a Roma a questa età. Ha fatto una grande partita, se la analizziamo vediamo che ha fatto due assist. Credo sia importante per un giovane come lui. Lui, Under e tutti gli altri mi saranno molto utili.

Si può ancora puntare al quarto posto? Come sta Dzeko?

Credo che la gara contro la Fiorentina abbia dato una buona iniezione di fiducia alla squadra, la partita di Genova deve confermare ciò. Edin l’ho visto muoversi bene, con volontà. Non ha fatto gol, e sappiamo tutti quanto ciò pesi per un goleador, ma può capitare. Sta giocando per la squadra, a volte è un po’ egoista ma è giusto che sia così, gli attaccanti devono esserlo. Un conto è quando le cose vanno bene, un altro quando vanno male. Sono contento della sua prestazione, mi auguro che possa star bene perché “pisto” di botte. Può darci una grossa mano.

Qual è l’imperativo contro la Sampdoria? Come sta Pellegrini?

Stimo molto Giampaolo, tutte le sue squadre giocano un ottimo calcio; pressano molto, noi dovremmo essere bravi a verticalizzare velocemente. Pellegrini sta bene, non ha i 90 minuti sulle gambe, ma deciderò domani se schierarlo titolare o no. Avete visto che impatto ha avuto sulla gara mercoledì, gioca in un ruolo non facile come il trequartista e sa giocarci, ha una rapidità notevole. E’ un altro pezzo importante della Roma.

Manolas è rientrato dalla squalifica, chi ritiene essere il suo miglior compagno di reparto?

Sono tutti buonissimi giocatori, Fazio ha fatto un secondo tempo sontuoso. Jesus, ogni volta che l’ho chiamato mi ha sempre dimostrato tanto. Ivan è un ragazzo intelligentissimo, sono tre giocatori che possono giocare tranquillamente vicino a Manolas.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News