Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

ESCLUSIVA SLR, Occhi su Tahsin del Paok ma Monchi si muove per portarlo al Siviglia

Il giovane talento di origine turca è stato scoperto dall’ex ds giallorosso, che ora vuole portarlo in Spagna

Ci troviamo a Komotini, capoluogo della periferia della Macedonia Orientale, a 246 chilometri da Salonicco. Qui, in una delle Academy del Paok, si sta mettendo in mostra, nelle ultime due stagioni, il giovanissimo attaccante Alpaslan Tahsin, classe 2004.


E’ uno dei tanti nomi che arrivano sul tavolo di un direttore sportivo come Monchi, ma in questo caso la segnalazione procede alla fase successiva e il ds lo fa visionare dagli scout della Roma. Usa bene entrambi i piedi, rapido e polivalente (gioca senza problemi sia a destra che a sinistra): così l’ex ds giallorosso decide di muovere i primi passi, nella passata stagione, per anticipare la concorrenza (Atletico Madrid e Fenerbahce su tutti) per portarlo a Trigoria.

Il ragazzo si dimostra entusiasta alla notizia riportatagli dal suo agente Isaac Lopez: innamorato delle giocate di Francesco Totti (il suo grande desiderio sarebbe incontrarlo), sogna ad occhi aperti la Serie A e la Roma.
L’indiscrezione esce ieri su alcuni portali turchi, che vedono il club di Trigoria ancora in pole position per assicurarsi il talento del Paok Komotinis.
Ma gli equilibri possono cambiare rapidamente. Infatti la prossima settimana Monchi incontrerà di nuovo Lopez, iniziando però a lavorare sul “sorpasso”: l’idea è quella di portare Tahsin in Andalusia, al Siviglia, non più a Trigoria.
Lui preferirebbe l’Italia ma, mai come ora, la Liga può davvero rappresentare il suo futuro.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato