Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

ESCLUSIVA SLR Sul tavolo del nuovo ds c’è anche il futuro di Balzaretti

Tra le questioni che il nuovo ds dovrà sistemare anche il futuro dell’ex terzino

Quarantaquattro presenze ed un gol con la maglia della Roma, il più importante della sua carriera, nel derby della rinascita giallorossa dopo la finale di Coppa Italia persa nel 2013. Finito di allacciarsi gli scarpini per scendere in campo, il nodo alla cravatta per iniziare il suo nuovo capitolo professionale, quello da dirigente.
La Roma ha lasciato senza dubbio un segno indelebile nella vita di Federico Balzaretti, a Trigoria dal 2012, quando arrivò dal Palermo.
Per anni è stato l’osservatore degli elementi giallorossi in prestito, prima di diventare un vero e proprio braccio operativo dei vari ds che si sono susseguiti a Trigoria.

Questo legame ora rischia di interrompersi: la scadenza del suo contratto è fissata per il 30 giugno e nessuno della proprietà ha palesato all’ex numero 42 giallorosso la volontà di proseguire.
Dopo l’addio di Monchi, Balzaretti non ha più seguito da vicino la Prima Squadra, soprattutto in trasferta (ultima ad Oporto). Lui ora attende fiducioso una chiamata per discuterne in sede, ma soprattutto che si definisca la figura del ds: sarà probabilmente il nuovo direttore sportivo a indicare e/o confermare eventuali collaboratori che lo affiancheranno nella sua avventura nella capitale.
Che sia Petrachi o un altro, Balzaretti spera di poter esser ancora parte integrante della Roma del futuro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Esclusive