Resta in contatto

Prima Squadra

Pau Lopez: “Contento che la Roma abbia avuto fiducia in me”

Il nuovo portiere giallorosso: “Alla Roma è impossibile dire di no, ritenevo che fosse il momento ideale per accettare questa nuova sfida”

Parla per la prima volta da portiere della Roma Pau Lopez, appena arrivato dal Betis Siviglia. Queste le sue parole all’emittente televisiva Roma TV:

Roma è nella mia carriera una tappa importante, un passo in avanti. Credo fosse il momento ideale, mi sento in grado e capace di assumermi la responsabilità di difendere la porta della Roma. Sono contento che la Roma abbia avuto fiducia in me. Alla Roma è impossibile dire di no, ritenevo che fosse il momento ideale per accettare questa nuova sfida. Il calcio italiano è sinonimo di tifosi appassionati, grandissime squadre. Tra queste grandi squadre c’è anche la Roma e sono felicissimo di provare questa esperienza. Cerco di divertirmi in campo, di aiutare la squadra e di seguire le indicazioni del mister. Cerco di mantenere una certa freddezza, fare quello che mi chiedono al servizio della squadra. In particolare ho sempre guardato con attenzione i portieri che erano davanti a me nelle squadre in cui ho giocato. All’Espanyol avevo davanti Alvarez, ho sempre cercato di guardare i portieri che avevo davanti per imparare e cercare di seguirli. L’ambizione e il coraggio sono alla base. Sono concetti che Fonseca ha ribadito quando ha parlato alla squadra, è quello che si può chiedere a dei calciatori che indossano una maglia pesante e importante come quella della Roma. Ambizione e coraggio non devono mai mancare. L’unica cosa che mi sento di promettere è che darò sempre il massimo per questo club. Prometto lavoro, sacrificio ed umiltà. Vediamo se raccoglieremo i successi per quello che lotteremo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra