Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

In attacco (forse) c’è posto. Mariano Diaz resta in pole

Il dominicano del Real Madrid rimane nella lista di Gianluca Petrachi

In attesa di chiudere per il difensore, priorità assoluta del mercato, la Roma si sta dedicando a ristrutturare il reparto offensivo partendo dalle uscite. La prima è quella di Gregoire Defrel (vicino alla Sampdoria), la seconda, più auspicata, è quella di Patrik Schick, ipotesi sondata dal Lipsia. Se la prima non comporta una sostituzione, dato che con l’arrivo di Zappacosta Florenzi può aggiungersi al gruppo dei trequartisti, la seconda obbligherebbe Petrachi a cercare il vice Dzeko.

Il nome individuato da almeno un mese è Mariano Diaz, classe ’93 del Real Madrid che non rientra nei piani di Zidane ed è stato messo sul mercato. Florentino Perez ha rifiutato i 28 milioni offerti dal Monaco perché non è entusiasta di lasciarlo andare in maniera definitiva. Per questo la Roma può essere una buona opzione, Petrachi lo prenderebbe in prestito, ripetendo l’operazione appena conclusa con il Chelsea per Zappacosta, pagando il residuo dello stipendio fino al 30 giugno, circa 2.5 milioni netti. Il giocatore ha già dato la sua disponibilità al trasferimento, da escludere l’inserimento di Antonio Mirante nell’operazione, che costringerebbe Petrachi a trattenere Olsen a Trigoria. Lo riporta “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa