Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

L’ex allenatore di Cetin: “L’ho aiutato a diventare un calciatore professionista”

L’ex allenatore del turco: “Credo migliorerà ulteriormente in Italia diventando un giocatore importante per i giallorossi”

Mustafa Kaplanallenatore del Gençlerbirliği Spor Kulübü, squadra da cui proviene Mert Cetin, ha rilasciato alla redazione de Il Romanista un’intervista in cui parla del suo ex difensore, ora in forza alla Roma. Queste le sue parole:

Quando ha scoperto Cetin?
“Ho seguito Mert fin dal suo inizio nel settore giovanile. L’ho aiutato a diventare un calciatore professionista e gli ho dato la possibilità di giocare nell’Hacettepe, la squadra satellite del Genclerbirligi […]”

Qual è la sua qualità migliore?
“Mert ha giocato al fianco di calciatori molto esperti. Ha riconosciuto la loro leadership ma allo stesso tempo ha capito che avrebbe potuto essere lui stesso un leader. […] Ha tutte le qualità per diventare un leader anche a Roma. Tecnicamente è cresciuto usando la palla fin da piccolo e credo migliorerà ulteriormente in Italia diventando un giocatore importante per i giallorossi”.

Crede che le sue caratteristiche siano adatte al gioco di Fonseca?
“Cetin è uno calciatore che impara in fretta. Credo che non ci siano limiti per le cose che potrà fare in un campionato come quello italiano […]”.

È già pronto per ritagliarsi uno spazio nella Roma?
“Mert ha un carattere forte. Più velocemente terminerà il suo processo di adattamento a Roma, più diventerà efficace nel suo gioco […]”.

QUI L’INTERVISTA COMPLETA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News