Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nel mondo di Mkhitaryan: pupazzi, social e calcio “Brasil”. La Roma è pazza del suo genio

I giallorossi si godono l’ex Gunner

Dopo Borussia Dortmund, Manchester United e Arsenal, adesso è il momento della Roma di godersi Henrikh Mkhitaryan. In attesa di scoprirlo una cosa è certa: l’armeno ha fatto rinascere quell’entusiasmo che nell’universo giallorosso pareva appassito. C’è fibrillazione anche nella comunità armena della città, che ha radici antichissime. I documenti la fanno risalire al 66 d.C., quando Tiridate fu incoronato dall’imperatore Nerone come re dell’Armenia. “La comunità di Roma – aveva detto Nevart Cricorian, presidente della comunità – è felice. Lui è un orgoglio per la nazione armena anche come uomo, per la sua beneficenza in patria“.

Ovvio che un calciatore così celebre abbia anche un grande esposizione social. Dal 2016 i suoi follower sono oltre un milione e mezzo. La principale ispirazione di Mkhitaryan è stato suo padre Hamlet, uno dei più grandi giocatori dell’Armenia. Un attaccante capace di sbarcare anche in Russia e in Francia, prima che un tumore al cervello lo portasse via a soli 33 anni. “Se sono diventato ciò che sono lo devo anche a lui. È stato un modello“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa