Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo: “Di Totti ce n’è uno. Non accetterei la 10 per rispetto”

Il numero 22 parla al sito dell’UEFA

Anche la UEFA si è accorta dello straordinario talento di Zaniolo. Lo dimostra l’intervista rilasciata al sito ufficiale in vista di Borussia M’Gladbach-Roma di Europa League, dopodomani. Tutto Nicolò, a 360 gradi. Il debutto con la Roma: “Di Francesco mi chiamò la mattina e mi chiese se ero pronto a giocare contro il Real Madrid. Incredulo, gli ho risposto: ‘Certo, mister’. Ero ancora inconsapevole di quello cui stavo andando incontro. Si giocava alle 21 e sono rimasto tutto il pomeriggio a guardare il soffitto, dopo aver chiamato i miei genitori per chiedere conforto“. La doppietta in Champions contro il Porto: “Quella sera non la dimenticherò mai. Devo essere bravo a non sedermi sugli allori e continuare a giocare bene per questa maglia“.

Il paragone con Totti: “Per qualsiasi giovane essere accostato, o solo avvicinato, a Francesco Totti è una grandissima emozione. Però devo dire che io sono Nicolò Zaniolo, devo migliorare e tanto. Di Totti ce n’è uno… Io devo solo continuare su questa strada“. La maglia numero 10: “Non l’accetterei. Non ci penserei neanche e mi terrei la mia. È una forma di rispetto verso il Capitano. Non ci proverei nemmeno a dire di sì“. Obiettivo vittoria: “È la stagione giusta per portare a casa un trofeo? Sì, potrebbe essere. Dipende tutto da noi“. Lo riporta il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa