Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ecco Veretout, l’incursore affamato. E’ il motore che accende la squadra

Il francese si sta ritagliando un ruolo da protagonista

In questo momento Jordan Veretout è uno dei soldati più utilizzati nella caserma: gli altri riposano, lui corre per tutti. In termini di continuità all’interno della partita sta sorprendendo anche Fonseca: è sempre concentrato, lucido e determinato. Come direbbe Petrachi, Veretout è un giocatore affamato. Contro il Borussia nell’occasione del gol di Thuram ha cercato di compiere un miracolo provano a recuperare, visto il mal posizionamento della difesa. Non è però riuscito ad evitare l’assist di testa di Plea che poi ha servito il compagno tutto solo in area. Lui però era lì, a cercare di recuperare l’impossibile.

Straripante sotto l’aspetto fisico, nonostante le 6 partite in 19 giorni, Veretout si sta distinguendo anche sotto l’aspetto qualitativo. Anche in Germania ha costruito diverse occasioni da gol. Inoltre sui calci da fermo sta diventando un’arma letale. I tifosi iniziano a vedere la sagoma di Nainggolan intorno al francese e lo stanno applaudendo in ogni occasione. Per il momento è ignorato da Deschamps, c.t. della nazionale francese, ma un osservatore federale era all’Olimpico per vedere Roma-Napoli: l’ex fiorentina infatti rientra nel gruppo di quei giocatori che potrebbe essere aggiunto alla rosa per l’Europeo.
Lo riporta “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa