Resta in contatto

News

Carvalhal (ex tecnico Basaksehir): “Lo stadio non sarà un fattore. La Roma può vincere”

L’ex tecnico del club turco: “Conosco personalmente Fonseca, è bravissimo. Le sue squadre giocano bene, sono molto organizzate”

Intervenuto durante il palinsesto di Teleradiostereo, Carlos Carvalhal, ex tecnico del Basaksehir e attuale allenatore del Rio Ave, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Il suo ricordo dell’esperienza al Basaksehir.
La stagione precedente ero stato al Besiktas, un ambiente pazzesco, uno stadio caldissimo. L’anno seguente arrivai al Basaksehir, che all’epoca aveva un altro nome, era un club diverso da oggi, giocavamo all’Olimpico di Instanbul (l’Ataturk, ndr) e c’era sempre un impianto deserto. La società, vedendo queste problematiche legate al tifo, ha deciso di spostarsi verso un distretto di Instanbul. Ma non sono ancora riusciti a conquistare molti tifosi.

Lei ha allenato Tekdemir ed Edin Visca, che oggi sono ancora al Basaksehir: qual è la sua opinione riguardo questi due giocatori?

Tekdemir era molto giovane all’epoca, Edin invece era un’ala già strutturata, con grandissime doti tecniche. Tornando al discorso ambientale, i tifosi turchi sanno essere molto incisivi durante la gara. Le squadre turche con pochi giocatori stranieri soffrono tanto la pressione, facendosi influenzare dal pubblico sugli spalti, spronando spesso i giocatori ad andare al tiro. Questo non accadrà domani, non rappresenterà un fattore per la Roma. Se i giallorossi andranno lì a giocarsi la partita in maniera determinata, allora può vincere.

Supponiamo che lei conosca Paulo Fonseca: cosa pensa di lui?

Lo conosco personalmente, abbiamo un ottimo rapporto. E’ un bravissimo allenatore. Le sue squadre giocano bene, sono molto organizzate, sia a livello difensivo che offensivo. E’ un tecnico preparatissimo, lo stimo molto, perché è uno da cui puoi imparare tanto.

Crede che la Roma possa vincere l’Europa League?
Domani sarà importantissimo, la partita col Basaksehir sarà un impegno fondamentale per il passaggio del turno. I giallorossi hanno grandi potenzialità in questo torneo, possono far strada, ma devono arrivare alla prossima fase, quella ad eliminazione diretta, dove può succedere di tutto. E’ difficile dire se la Roma vincerà il trofeo, sicuramente ha buone possibilità al pari di altre 6 squadre. Auguro a Paulo Fonseca di vincere domani e tante altre partite con la sua Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News