Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, panchina di latta

Leonardo Spinazzola è il simbolo della Roma di oggi

Che, se è al 4° posto, non si può sentire al sicuro. Sforzo massimo, rosa minimala zona Champions è stata raggiunta contando spesso sugli stessi giocatori. E tra questi non è stato certo protagonista il terzino che Petrachi ha acquistato proprio dalla Juve, avversaria dei giallorossi domenica sera all’Olimpico, con valutazione di 29 milioni. Sono 4 i suoi infortuni dall’inizio della stagione.

Non gravi, ma comunque fastidiosi per chi vuole convincere e aiutare Fonseca. E poi ripetersi con Mancini, puntando alla convocazione azzurra nei 23 per Euro 2020. La febbre, al momento, allontana Spinazzola dall’incrocio di domenica sera con la sua ex squadra. Tempo per riprendersi ne ha, mancando 4 giorni pieni al match che chiuderà il girone d’andata. Fonseca non lo considera ancora out per la partita contro i bianconeri, ritenendolo più adatto di Florenzi a limitare CR7, anche se l’attacco influenzale delle ultime ore potrebbe farlo scivolare di nuovo dietro al capitano.

Così, contro i campioni d’Italia, sarebbe la Roma di fine 2019 e di inizio 2020, con la stessa formazione scesa in campo contro la Fiorentina e il Torino. L’elenco degli infortunati, abbandonato da Cristante che ha gradualmente ripreso a lavorare con i compagni, comprende ancora Fazio, Zappacosta, Santon, Pastore e Kluivert. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa