Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Edicola

L’Edicola, Fonseca prova la difesa a tre per ritrovare una maggiore solidità

Tutta la rassegna stampa in un click

IL CORRIERE DELLO SPORTDelle sue 97 reti in giallorosso solo 2 sono state realizzate contro i bianconeri. E pensare che proprio alla Signora ha inflitto il primo gol da romanista, il 30 agosto 2015, all’Olimpico. Il secondo è storia di otto mesi fa, quando il bosniaco chiuse i giochi con il 2-0 al 90′ che stese una Juventus ormai senza più stimoli.

LA GAZZETTA DELLO SPORTMa qualcosa dall’allenamento di ieri è filtratoOvvero che oltre ai classici schemi da 4-2-3-1, Fonseca ha provato anche la difesa a tre, con Mancini e Smalling al momento sicuri e Cetin preferito a Fazio.

Se il paragone è con gli anni d’oro dell’Olimpico quando segnare meno di 50mila spettatori era l’eccezione e non la regola, è chiaro che il dato non fa stappare lo champagne.

E da moltiplicare per due: ha reso Paulo Dybala il cavaliere nero preferito da Cristiano Ronaldo e Nicolò Zaniolo un esempio di campione predestinatoRoma-Juve di domani è la loro sfida sinistra, duello di piedi raffinati e braccia tatuate.

Con molta sincerità, qualche settimana fa, Pau Lopez parlando di Cristiano Ronaldo ha detto“Segna meno che a Madrid ma è sempre determinante”.

IL CORRIERE DELLA SERAPaulo Fonseca infatti, dopo la brutta sconfitta interna contro il Torino, sta pensando di cambiare pelle alla sua squadra per affrontare meglio domani la Juventus di SarriIn che modo? Con la difesa a tre, provata già ieri a Trigoria, con l’inserimento di Mert Cetin. Il turco in stagione ha giocato titolare due volte, contro Napoli e Spal.

La proposta partita da Milano non ha trovato terreno fertile nella capitale dove il turco è valutato 40 milioni e potrebbe essere usato come pedina di scambio nella trattativa per Smalling con il Manchester United.

IL MESSAGGEROPer arginare il miss-match fisico e tecnico Ronaldo-Florenzi, sta cercando di trovare soluzioni alternative. Quella di inserire un centrale in più, escludendo Perotti, è una delle opzioni alle quali il portoghese sta pensando. Bisognerà attendere invece sul fronte mercato, dove al massimo Petrachi farà qualche operazione di contorno.

Qui, da alcune settimane, la giunta può contare soltanto su 24 voti dei 28 totali anche su delibere fondamentali come quella sul bilancio di previsione. Ergo, meglio congelare le misure più divisive: lo stadio, le mense o l’allungamento della Ztl.

E sarà il primo con molti tifosi arrabbiati con l’ex capitano per qualche “like” impudente e imprudente e qualche dichiarazione provocatoria. Il giallo del like messo, tolto e poi smentito al commento “vendete Florenzi” (al quale aveva già idealmente sfilato la fascia parlando apertamente di Pellegrini come futuro capitano); l’altro like dato a Vieri che celebrava i 120 anni della Lazio.

La Roma ha bisogno di lui, perché quando sta bene, i giallorossi giocano meglio. Contro la Juventus il bosniaco ha segnato la sua prima rete nella Capitale ed è stato anche l’ultimo tra le file romaniste a timbrare il cartellino contro i bianconeri, sconfitti per 2-0 all’Olimpico sul finire della scorsa stagione. Al suo fianco c’è il bambino, Nicolò Zaniolo, così piccolo ma già testato per le sfide contro la Juventus.

LA REPUBBLICA Infatti nel 2017 il portoghese, allora tecnico dello Shakhtar, affrontò e passò il girone proprio a danni del Napoli di Sarri. Dopo aver vinto contro il Manchester City all’ultima giornata, l’attuale allenatore della Roma si vestì da Zorro in conferenza stampa. E domani, di fronte all’Olimpico pieno, Fonseca potrebbe schierare tre centrali: Smalling, Mancini e Cetin. In questo piano di gioco, Florenzi farebbe l’esterno a centrocampo. Lo riporta La Repubblica. 

IL TEMPOSuperato l’esame più duro contro la coppia Lukaku-Lautaro Martinez, la Roma ha perso un po’ di solidità difensiva. E visto che domani sera all’Olimpico si presenta un certo Cristiano Ronaldo, spalleggiato da Dybala, forse HiguainPjanic e tutti gli altri, è il caso di correre ai ripari. Come può fermarli la Roma? Molto passerà per il rendimento dei singoli, a cominciare dai centrali difensivi che contro il Torino hanno avuto un passaggio a vuoto, e soprattutto dal lavoro di squadra e dalla voglia di aiutarsi l’un l’altro, ma Fonseca non si fida e studia accorgi menti.

Dopo quasi un mese di pausa le giallorosse tornano in campo oggi alle 12 in casa della Pink Bari (diretta su Roma Tv e Timvision). Ci sarà anche Petronella Ekroth, l’ultimo rinforzo arrivato dal mercato di gennaio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola