Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pellegrini: “Dedico la doppietta a Zaniolo. Ora testa al Genoa, poi alla Juventus”

Il centrocampista giallorosso: “Sto bene, ho solo ricevuto uno di quei colpi che fanno tanto male all’inizio. Dedico i gol a Zaniolo, il mio fratellino”

La Roma passa il turno di Coppa Italia grazie ai due gol di Lorenzo Pellegrini. Il centrocampista giallorosso ha parlato al termine della gara del Tardini:

PELLEGRINI ALLA RAI

Come stai dopo il colpo subito?
“Sto bene, è solo una contusione. Ho preso una botta ma non credo sia nulla di grave”

A chi dedichi questa doppietta?
“Oltre alla mia famiglia la dedico a Zaniolo: per me è come un fratello minore, ci tengo tanto e so quanto ci serva in campo un giocatore come lui”.

Ora due sfide importanti…
“Avevamo voglia di fare bene per riscattarci. Sono contento per me e per tutta la squadra. Ora pensiamo al Genoa, se giochiamo così già da quest’anno possiamo fare bene. Anche a Torino giocheremo per fare una grande partita, lotteremo fino alla fine per vincere, anche se sappiamo qual è la caratura della Juventus”.

PELLEGRINI A ROMA TV

Reazione importante in una partita importante…
Partita dalla doppia valenza, per andare avanti e per le due partite perse. Abbiamo dimostrato di avere voglia di vincere, era importante farlo anche per noi e per la nostra consapevolezza.

Due gol e un pestone, come stai?
Bene, sono quei pestone che quando ricominci a correre poi stai meglio. Sono contento per i due gol ma soprattutto perché la squadra ha vinto.

Hai giocato da leader…
Prendo le critiche positivamente, vuol dire che ci si aspetta tanto da me. Sono molto autocritico e questa reazione la volevo tanto. Purtroppo le prime due partite sono andate così, ma è stato importante oggi vincere e fare bene.

Oggi arretravi un pochino di più…
Sì, sapevamo che loro giocano la palla sull’attaccante e giocano le seconde palle, che era importante vincere. In fase di possesso il mister mi ha chiesto di abbassarmi perché Bryan stava più basso. Abbiamo dimostrato che avevamo voglia di vincere.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra