Resta in contatto

Rassegna Stampa

Kolarov: “Volevo essere Mihajlovic, il mago delle punizioni”

18 reti su punizione tra Lazio, City e Roma per il serbo

Aleksandar Kolarov, da bambino, sognava di essere come Sinisa Mihajlovic. Il rapporto fra i due è sempre stato ottimo, e quando il terzino si trasferì per la prima volta a Roma, sponda Lazio, una delle prime telefonate che ricevette fu proprio quella di Sinisa: “Qualsiasi cosa, conta su di me“.

L’ex City, quando era bambino, passava molto tempo a studiare le punizioni dell’attuale mister del Bologna. Tra Lazio, Manchester City e Roma, il terzino, ha realizzato ben 18 gol su punizione. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa