Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Fonseca: “Questa squadra è all’inizio di un processo, in futuro vedremo una squadra migliore”

“Ci sono ancora tante cose da migliorare”

Presso la Ghelamco Arena, dove domani si giocheranno i sedicesimi di finale di Europa League, ha parlato in conferenza stampa Paulo Fonseca. Queste le parole del tecnico portoghese.

FONSECA A SKY PRIMA DELLA CONFERENZA STAMPA 

Loro sono sicuri di passare, gara complicata?

Si, è una squadra forte come hanno già dimostrato. Non hanno mai perso in casa ed hanno fatto sempre gol. SOno molto forti qui, per questo è una gara importantissima e difficile ma siamo preparati

L’Europa League che significato ha?

Significa che domani dobbiamo giocare per vincere, sappiamo che è importante per noi, come tutte le partite. Ci dobbiamo solo concentrare in vista di domani

Quanto è importante l’apporto dei giocatori di esperienza?

Sono importanti, ma abbiamo anche dei giovani. Questo mix di età è importante per la squadra

CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA

Può giocare Kolarov la terza partita da titolare?

“Vediamo domani, ma può giocare tre partite consecutive, non è un problema”

Che partita è per la Roma?

“Importantissima, dobbiamo passare il turno. Dobbiamo essere concentrati e giocare con attenzione pensando di ripartire dallo 0-0. Dobbiamo avere coraggio come contro il Lecce, sappiamo che sarà difficile, qui loro non hanno mai perso e hanno sempre segnato. Domani avranno una grande motivazione e con un risultato ancora aperto.”

In Europa vanno avanti le squadre più coraggiose, lei non ha mai perso questa mentalità, sarà così anche domani?

“Non dobbiamo pensare solo a difendere, non sarebbe una buona cosa. Noi vogliamo giocare come sempre, è importante fare gol e per farlo dobbiamo giocare come abbiamo sempre fatto. Vogliamo giocare nella loro metà campo, vogliamo giocare con ambizione”

Trova che ci siano tante differenza tra il calcio italiano e quello europeo? La Roma ha le caratteristiche da squadra europea?

“In Europa le partita sono più aperte, in questo tipo di competizioni si giocano due partite e una delle due squadra va a casa, per questo le gare sono più aperte e questo mi piace di più. ”

Ha qualche dubbio su come affrontare il Gent?

“No, non ho dubbi, so che loro sono fortissimi come hanno dimostrato a Roma. Sono forti fisicamente e concreti, e domani sarà lo stesso, avranno voglia di vincere, è una squadra molto forte e sarà difficile per noi”

C’è la consapevolezza che che l’Europa League può essere un grande obiettivo?

“Non mi piace fare grandi progetti per il futuro, dobbiamo pensare sempre alla prossima partita. La squadra vuole vincere e andare avanti”

Perchè la Roma non riesce ad avere grande intensità come ad esempio l’Atalanta, è un problema di preparazione o mentale?

“Sono modi diversi di giocare le partite. L’Atalanta ad esempio si è costruita negli anni, ha un modo diverso di giocare, sono fortissimi ma io ho un altro modo di vedere il calcio. Sicuramente possiamo essere più veloci, questa è una squadra che all’inizio di un percorso e ha molte cose da migliorare. In futuro vedremo una Roma migliore”

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa