Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca, il primo giorno di “scuola”

Giallorossi di nuovo in azione a Trigoria

La Roma è tornata a lavorare sul campo, dando ufficialmente il via alla fase 2 in vista di una, ancora eventuale, riapertura del campionato di calcio. Il primo ad arrivare e a varcare i cancelli del Fulvio Bernardini è stato Pau Lopez, che verso le 9 è entrato nel centro sportivo e si è sottoposto a tutta la trafila, ripetuta poi dai suoi compagni, che prevedeva: misurazione della temperatura e ossimetria, autocertificazione e poi sosta nella stanza, rigorosamente singola, dove ognuno ha potuto ritirare la divisa d’allenamento igienizzata. La squadra poi ha lavorato individualmente, divisa in tre gruppi per tre fasce orarie. Paulo Fonseca faceva la spola tra uno e l’altro per dirigere al meglio le operazioni.

Fuori dal campo, invece, come se non bastasse il momento di stallo che sta vivendo la trattativa per la cessione della società a Dan Friedkin, sembra essersi arenato, forse definitivamente, il passaggio dei terreni di Tor di Valle, dove dovrebbe sorgere il nuovo stadio della Roma, da Luca Parnasi a Radovan Vitek. A comunicarlo è Martin Namecek, direttore generale del gruppo Cpi: “L’operazione è rinviata – dice al quotidiano ceco E1 -. Alle condizioni finanziarie di cui avevamo parlato, non è possibile concludere l’accordo“. Lo riporta “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa