Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Falcao: “Il gol di Turone uno dei più grandi scandali della storia del calcio”

“La mia generazione ha modificato il modo di pensare dei romanisti”

Uno scudetto vinto, uno sfiorato, e una Coppa dei Campioni persa in finale contro il Liverpool. Il brasiliano si è raccontato in questa intervista. Le sue parole a Il Corriere dello Sport:

Pallotta non ha venduto…

Ah ecco. Per me è difficile giudicare la squadra di adesso. Mi piacerebbe però che la Roma prendesse Neymar… Per i miei colori punto sempre al top, non a giocatori qualsiasi.

La maggioranza dei tifosi è delusa dai nove anni di gestione americana…

Credo sia un po’ colpa nostra.

In che senso?

La mia generazione ha modificato la mentalità, l’ambiente. Ha abituato i romanisti a pensare in grande. Quando arrivai io, lessi subito il motto: la Roma non si discute, si ama. Bellissimo dal punto di vista dei tifosi, che ti sostengono sempre. Ma dannoso per chi deve amministrare una squadra. Nello spogliatoio un compagno mi disse: che bello che sei qua, ora ti prendi tu tutte le responsabilità. Risposi: ecco perché non avete vinto un cazzo finora. Come si fa ad accontentarsi di non vincere? A 67 anni, quando gioco a tennis, se perdo mi viene voglia di ammazzarmi. Invece alla Roma qualcuno si intimidiva davanti all’Olimpico pieno: la paura di perdere toglie la voglia di vincere.

La Roma di Falcao ha vinto meno di quanto avrebbe potuto?

È vero. Ma gli scudetti dovevano essere due. Vogliamo parlare del gol di Turone?

Non osavo chiedere…

Perché? è stato uno dei più grandi scandali della storia del calcio. Arbitro Bergamo. Ti ricordi chi era il designatore ai tempi di Calciopoli, con la Juventus spedita in B? Sempre lui.

La Coppa Campioni contro il Liverpool?

È il mio rimpianto. Vorrei rigiocare quella finale stando bene. Comunque anche lì macchia arbitrale: fallo enorme di Rush su Tancredi sull’1-0.

27 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

27 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa