Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Pau Lopez problema numero 1

Under

Il portiere torna ad essere un problema a Trigoria

Se prima della pandemia, al netto dell’errore nel derby, il rendimento di Pau Lopez poteva considerarsi sufficiente, nel post lockdown il portiere ha deluso. All’improvviso è diventato tutto difficile, anche durante il momento positivo della squadra. Dopo Napoli, dove è stato il migliore in campo, ogni gara ha lasciato a deisderare. Ferrara e Torino sono stati i due campanelli d’allarme, Duisburg contro il Siviglia ha rappresentato la resa inerme. Il suo compito era quello di far dimenticare Olsen, ma la pressione del post-Alisson ha sempre aleggiato su di lui. Se resterà lo dovrà soltanto alla valutazione fatta la scorsa estate: 23,5 milioni di euro più la metà di Sanabria.

A bilancio pesa 20,6 milioni ed è difficile che ci sia un club disposto a pagarlo così tanto. Se si riuscisse ad imbastire un’operazione con la formula del prestito con l’obbligo di riscatto ci si potrebbe pensare. Chi al suo posto? Dipendesse da De Sanctissi andrebbe a prendere Meret e la possibilità di imbastire uno scambio con il Napoli non è da scartare. Gollini piace molto a Fienga, ma costa molto. Poco meno Cragno e Musso, 20 milioni. Opzioni low cost allora con Sirigu in pole position. L’altra pista da non sottovalutare è Perin. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa