Resta in contatto

Rassegna Stampa

Giacomelli fermato: almeno due turni di stop all’arbitro di Milan-Roma

Non si tratta di voler punirlo, ma di fargli trovare serenità dopo un brutto arbitraggio

Fermati. Due rigori sbagliati, errori evidenti di gestione e una partita nel pallone. Era difficilmente evitabile che il designatore degli arbitri di Serie A e B, Nicola Rizzoli, non prendesse provvedimenti nei confronti di Piero Giacomelli e Luigi Nasca, rispettivamente arbitro e Var lunedì sera nel posticipo di San Siro tra Milan e Roma, conclusosi sul 3-3.

Troppo gravi i due errori, quelli che hanno portato al rigore per la Roma prima (trasformato da Veretout) e al rigore per il Milan poi (trasformato da Ibrahimovic). Seguirà un periodo di stop almeno fino alla pausa Nazionali e poi, dopo qualche designazione in Serie B, si deciderà per il suo reintegro graduale nel massimo campionato.

Non si tratta, come ribadisce l’AIA, di voler punire l’arbitro: si tratta di cercare di fargli ritrovare serenità dopo un arbitraggio no.  Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Il like a Manolas? Brutto brutto!"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Tifo Lazio ma ammiravo Agostino come calciatore e come uomo. Apprezzo molto anche suo figlio. Il coro con il suo nome mi faceva venire i brividi."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Te vojo bene Principe! Sei stato il mio idolo da ragazzino, dopo Falcao il giocatore che mi ha fatto innamorare della AsRoma e di Roma."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni della Magica... indimenticabili momenti di sport ancora genuini con un allenatore maestro in tutti i sensi un grazie grande e sentito......"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "L'anima della Roma"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa