Resta in contatto

Prima Squadra

Fonseca: “Vittoria importante, peccato aver preso gol sull’unico errore. Mayoral ha fatto bene”

Le parole del portoghese

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha parlato dopo la vittoria sul Genoa:

Fonseca a Dazn

Come l’ha vissuta dalla panchina?
“Vittoria importante. Abbiamo creato occasioni per fare più gol, nell’unico errore fatto abbiamo preso gol. Ma ho visto una squadra che ha avuto carattere”.

Nel finale ha avuto paura di un calo di concentrazione?
“Sì, dobbiamo mantenerla fino alla fine. Era importante che difendessimo bene. Sono contento della personalità e del carattere che la squadra ha mostrato”.

Soddisfatto della prestazione di Mayoral?
“Ha fatto una buona partita, ha lavorato molto. Penso che quando è uscito e ho spostato Pellegrini in avanti abbiamo fatto meglio. Ha sbagliato un gol, ma ha fatto bene”.

I numeri della Roma sono importanti. Deve giocarsi la Champions questa squadra, lo pensa anche lei?
“Dobbiamo pensare partita per partita. Vogliamo fare meglio dell’anno scorso. Stiamo lavorando partita dopo partita per fare il meglio possibile”.

Mkhitaryan si è caricato la squadra sulle spalle.
“Sì, lui come Pedro sono molto esperti. Sa giocare in questa posizione, ha fatto tre gol e quello che è importante è la vittoria”.

Crede di potersi riprendere il punto di Verona?
“Ci spero. E’ stato un errore, ma non ci ha portato nessun vantaggio”.

Fonseca a Sky Sport

La partita?
“Abbiamo fatto una partita di grande carattere, abbiamo mostrato un grande atteggiamento, abbiamo meritato di vincere e di fare gol. siamo sempre stati sicuri, per me è troppo importante sentire questa fiducia nella squadra”.

Stupito dal gol subìto oppure dalle tre reti senza Dzeko?
“Quello che è importante è sentire che, anche quando ci manca un giocatore importante come Dzeko, non cambia la nostra intenzione. Questo è molto importante per me, abbiamo preso un gol ma ne abbiamo fatti 3, ne avremmo potuti fare 4 o 5. Dopo il gol del Genoa, la squadra ha reagito e creato situazioni per segnare, è importante sentire questa ambizione nella squadra”.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra