Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mkhitaryan, quei gol per dire no alla guerra

L’armeno protagonista dentro e fuori dal campo

Mkhitaryan è l’orgoglio dell’Armenia. E’ il personaggio più famoso del suo Paese che ha regalato una gioia ad una Nazione ferita con la tripletta al Genoa. L’Armenia è impegnata su due fronti: la lotta al Covid e la guerra contro l’Azerbaigian. Henrikh si è schierato a favore del suo popolo, rivendica l’indipendenza della sua Nazione. Un mese fa ha scritto anche una lettere indirizzata a Putin, Macron e Trump, un grido di allarme in favore dell’Armenia. L’ambascitrice a Roma lo ha chiamato anche per complimentarsi dei tre gol segnati domenica. Vive il suo momento magico, ma il pensiero va ai suoi connazionali che muoiono in guerra.

A loro e ai tifosi della Roma ha dedicato la tripletta: “Per la mia Armenia, per la mia Roma!“, ha scritto. In questo periodo così difficile è riuscito a dimostrare la sua grande professionalità, è rimasto concentrato sul campo e ha dato sempre il massimo. E’ il simbolo dell’Armenia, ma anche di una squadra che è tornata a pensare in grande. Da quasi tre anni la Roma non si ritrovava al terzo posto in classifica e di questa squadra Miki è un leader. Superati i problemi fisici ha giocato finora 37 partite realizzando 13 gol e 11 assist. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa