Resta in contatto

eSports

Lazio-Roma, RaissForever ha la meglio su S-Venom grazie a Immobile e Muriqi (FOTO/VIDEO)

Nel trofeo amichevole Road to Dacia Arena Tournament, RaissForever ha la meglio su S-Venom grazie a Immobile e Muriqi

Il 7 dicembre 2020 è andato in scena il primo derby amichevole della capitale in campo eSportivo. Nel Road To Dacia Arena Tournament RaissForever ha vinto per 2-0 contro S-Venom conquistando così il primo scontro tra le due squadre capitoline.

CLICCANDO QUI E’ POSSIBILE RIVEDERE INTEGRALMENTE IL DERBY TRA ROMA ESPORTS E LAZIO ESPORTS

La sfida è stata tirata e combattuta per 74 minuti. Quando RaissForever recuperando un pallone sull’out di sinistra difensivo ha prodotto un coast to coast portando avanti da Raul Moro che poi ha scaricato per Ciro Immobile che a tu per tu con l’estremo difensore giallorosso non ha sbagliato.

I giochi sono chiusi poi al minuto 88′ da una rocambolesca e fortunata azione offensiva dei biancocelesti che hanno sfruttato diversi rimpalli prima di finalizzare con Muriqi la rete dello 0-2.

Tanta sfortuna per S-Venom nel primo derby derby esportivo della capitale, ma vanno sottolineate con grande sportività le abilità di RaissForever che ha ben chiuso gli spazi in fase difensiva. Grazie a questa vittoria la squadra biancoceleste conquista il primo posto in classifica nel torneo. Questa la classifica dopo le prime 4 partite della competizione.

Curiosità dell’incontro, la Roma Esports è scesa in campo con la quarta divisa griffata Brain Dead, così come nel match amichevole contro l’Atalanta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da eSports