Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Per una volta pensate solo alla Roma

Ora serve la pace tra Dzeko e Fonseca

Ormai la frittata è fatta! E sarà impossibile ricomporre le uova. Quantomeno complicato in una situazione che vede i due protagonisti fermi sulle rispettive posizioni. Il detto popolare in questi casi recita: “Chi ha più testa la usi”. Ma può bastare? Difficile perché ognuno è convinto di avere ragione e di dover anzi pretendere pure delle scuse dalla controparte.

Il tecnico portoghese del “suo” ex capitano non vuole proprio più sentir parlare. Da parte sua Dzeko non solo vuole tornare a giocare, ma anche a indossare la fascia da capitano che reputa “sua” di diritto. Insomma un bel casino del quale ora si deve occupare la società: perché c’è chi viene pagato per questo.

Il percorso di crescita di questo gruppo che nonostante tutto continua a viaggiare al terzo posto in classifica alla vigilia di uno scontro diretto che sarà inevitabilmente determinante per il futuro. Già, perché sabato la Roma andrà a Torino per affrontare la Juve e la domanda viene spontanea: Dzeko ci sarà? Eppoi, il bosniaco qualora dovesse essere riammesso avrà la fascia al braccio? Quesiti non marginali alla vigilia di quella che potrebbe essere la partita più importante della stagione. Adesso bisogna pensare solo al presente e per una tutti, davvero tutti, dovranno mettere le proprie convinzioni da parte. Per l’unico bene collettivo: il bene della Roma. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa