Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, dai tre tenori ai nuovi leader

Cambiano le gerarchie nella squadra giallorossa

La Roma che regge al terzo posto sta provando nuovi equilibri. Nella prima parte della stagione, Fonseca si è molto appoggiato ai “tre tenori”: Mkhitaryan, Dzeko e Pedro, 99 anni in totale, tanta esperienza e almeno all’inizio un rendimento di alto livello. Dei tre, però, è rimasto leader solo Mkhitaryan, che con 9 gol è il cannoniere della squadra e con 8 assist è addirittura il primo di tutta la Serie A.

L’ultima volta che Dzeko, Mkhitaryan e Pedro hanno giocato insieme dal primo minuto data 23 dicembre 2020, Roma-Cagliari 3-2. Da allora Pedro ha giocato solo il secondo tempo del derby e 94’ nella disfatta di Coppa Italia contro lo Spezia. È ai box e non ci sono molte possibilità di un suo recupero per sabato, contro la Juventus. E con l’arrivo di El Shaarawy le opzioni di Fonseca nel ruolo di Pedro sono aumentate.

Mkhitaryan ha raggiunto contro il Verona le 25 presenze stagionali e la Roma gli ha inviato la comunicazione sulla clausola di prolungamento anche per la prossima stagione. L’armeno deve ora decidere se farla scattare o sfruttare la contro-opzione a suo favore e liberarsi. Si è preso qualche giorno di tempo per rispondere, ma i dirigenti giallorossi sono ragionevolmente fiduciosi che non ci saranno intoppi.

Tutto da vedere il futuro di Dzeko. Ieri si è chiuso il mercato e il bosniaco è rimasto in rosa. La squadra non si è allenata, oggi vedremo se sarà fatto qualche passo avanti per reintegrarlo in rosa. Le prestazioni di Borja Mayoral, al di là di ogni considerazione comportamentale tra Edin e Fonseca, hanno garantito allo spagnolo una maglia da titolare. Contro la Juventus sarà ancora lui il centravanti e non sarà così facile farlo ritornare una riserva. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa