Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Veretout: “Poca pazienza, bisogna tirare di più da fuori area”

L’analisi della gara del centrocampista francese

È stato uno degli ultimi ad arrendersi, Jordan Veretout. Fonseca ha rinforzato il centrocampo con Cristante vicino al francese e a Villar, ma l’accortezza tattica non è servita ai giallorossi per mettere in difficoltà la Juventus. “Abbiamo giocato bene, però non siamo stati bravi nell’ultimo passaggio, abbiamo avuto delle occasioni ma non siamo riusciti a segnare. Loro invece hanno fatto due gol e così diventa complicato vincere le partite. La buona notizia è che abbiamo giocato con fiducia e senza paura, però negli ultimi metri dovevamo essere più precisi. Dobbiamo continuare come stiamo facendo e provare a vincere altre partite: siamo sulla buona strada e già domenica prossima dobbiamo battere l’Udinese“.

È difficile però ambire ai primi posti se non si riesce mai a vincere contro le big. “Abbiamo dimostrato tante volte di essere forti, la Juventus è una grande squadra, è sempre complicato giocare queste partite, ma bisogna continuare a lavorare per migliorare. Abbiamo giocato al contrario rispetto alla partita di andata, dove avevamo sfruttato di più il contropiede. Penso che avremmo potuto anche vincere perché le occasioni sono state create, ma noi non abbiamo atto gol e loro si. Ci è mancato un po’ di pazienza, a volte siamo stati precipitosi, dobbiamo anche tirare di più da fuori area, abbiamo tanti uomini che possono calciare da lontano“. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa