Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Milik, ecco la clausola che lo riavvicina a Juve e Roma!

Acquistato a gennaio dal Marsiglia l’attaccante polacco ha una clausola speciale nel proprio contratto

Come riportato da Gianluca Di Marzio il futuro di Arkadiusz Milik potrebbe essere nuovamente la Serie A. Nonostante il trasferimento al Marsiglia durante la sessione invernale del calciomercato, l’ex Napoli sembra abbia voluto tenere la porta più che aperta ad un ritorno imminente in Italia.

In estate era stato al centro del mercato, poiché in scadenza col Napoli (col quale aveva rotto e non avrebbe mai rinnovato), coinvolto nella maxi trattativa che vedeva coinvolte Juventus, Roma e lo stesso Napoli. Con Dzeko promesso sposo dei bianconeri e Milik pronto a sostituirlo alla corte di Fonseca. Poi si arrestò tutto dopo una visita dello stesso Milik con la Roma, che non convinse fino in fondo i nuovi proprietari.

A gennaio il Marsiglia ha acquistato il polacco in prestito con obbligo di riscatto a 9 milioni+4 di bonus. Ma spunta la clausola sul contratto del centravanti: infatti per 12 milioni di euro può liberarsi per qualsiasi Federazione! No vincoli, no restrizioni. Ergo: la Juventus o l’Inter, o la Roma di turno, qualora lo ritenesse opportuno, potrebbe riportarlo in Serie A senza se e senza ma sborsando quella cifra segnata in rosso sul contratto.

La cifra è infatti davvero vantaggiosa, considerando che il Napoli lo pagò più di 30 milioni dall’Ajax, e che Milik , ancora neanche ventisettenne, ha davanti a sé ancora diversi anni di carriera da protagonista.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa