Resta in contatto

Rassegna Stampa

Veretout lungo stop, Pellegrini tuttofare

Con il francese ai box per più di un mese il capitano giallorosso si sdoppierà tra trequarti e mediana

Pessime notizie per Paulo Fonseca, l’infortunio di Verertout (miglior centrocampista con distacco dei giallorossi) si fermerà per diverso tempo e costringerà il tecnico portoghese a cambiare lo scacchiere tattico. Gli esami strumentali alla coscia destra, nella zona dei muscoli flessori, sono stati fissati per oggi ma i medici del club temono un infortunio muscolare molto serio: lesione tra il secondo e il terzo grado, cioè particolarmente profonda. Se così fosse, Veretout farebbe appena in tempo a tornare per le ultime partite della stagione: l’ultima di campionato è in programma il 23 maggio. E comunque si fermerebbe per 45 giorni. Il centrocampo giallorosso non ha un’alternativa con simili caratteristiche, l’unico che per dinamismo e qualità si può avvicinare al francese è Lorenzo Pellegrini, che infatti nel finale della gara con la Fiorentina si è abbassato al fianco di Diawara. Contro il Genoa la mossa più logica sarebbe il rientro di Villar di fianco a Diawara. Ma i due hanno qualità che forse non si sposano in una coppia di centrocampo. È dunque possibile l’arretramento di Pellegrini, che lascerebbe così spazio a uno degli attaccanti (Pedro o El Shaarawy).  Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa