Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tuffi, statue, lezioni di sesso: la rifondazione può passare da Rui Patricio

Il portoghese è uno dei favoriti per la porta giallorossa

L’arrivo di Rui Patricio alla Roma non può certo ancora darsi per fatto, ma nel caso in cui l’estremo difensore del Wolverhampton dovesse approdare in giallorosso la sua compagna Vera non passerà certo inosservata: la donna ha un interesse particolare per i libri, da leggere e da scrivere. Ha fatto scalpore il suo ‘Manuale di seduzione’, che ha passato al setaccio le vite amorose dei calciatori, così come fecero discutere i consigli di natura sessuale alla nazionale portoghese, espressi in radio prima dei mondiali del 2018. E, cosa più importante, Rui Patricio – amatissimo in patria, nella sua città natale gli è stata dedicata addirittura una statua – vanta un curriculum di tutto rispetto. Sono 7 i trofei portati a casa dall’estremo difensore: 5 con lo Sporting Lisbona, e 2 in nazionale (l’europeo del 2016 e una Nations League). L’addio al club portoghese arrivò per delle frizioni con il presidente, quindi la seconda vita al Wolverhampton. Da ragazzino faceva l’attaccante, ma Mourinho e Pinto lo apprezzano per le sue doti tra i pali. Anche se resta monitorato il mercato italiano – Gollini, Silvestri e Musso – così come quelli spagnolo, francese e tedesco. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa