Resta in contatto

Rassegna Stampa

Capitani romani, tradizione in bilico: Pellegrini in standby

Il rinnovo di Pellegrini non sembra essere così vicino

Quello che è stato un vero e proprio vanto, un punto di riferimento che per decenni ha contraddistinto la storia della Roma, rischia di terminare. O comunque sta vivendo in bilico settimane in cui non ci sono certezze in tal senso. Sono cambiati i tempi, le generazioni, e la tradizione di avere in squadra un capitano romano e romanista, esaltata dal ventennio di Totti, rischia di terminare.

Florenzi, dopo il periodo di prestito al Psg, è in cerca di una sistemazione definitiva. E poi c’è Pellegrini, capitano romano e romanista della Roma attuale, dopo un breve interregno della fascia sul braccio di Dzeko, proprio a seguito della partenza di Florenzi, che ha il contratto in scadenza tra un anno. E per il momento non sembrano esserci chiari ed evidenti segnali di rinnovo, se non la volontà di Tiago Pinto di far firmare il ragazzo e la priorità data da Lorenzo al club giallorosso.

Le parti hanno affrontato la questione in un paio d’occasioni, ma senza entrare nel merito delle cifre, dandosi comunque appuntamento a luglio. Pellegrini — che è tentato da sirene spagnole ed inglesi — ha una clausola rescissoria di trenta milioni (pagabile in due tranche), valida nel mese di luglio, proprio quando il centrocampista conoscerà Mourinho e, appena sarà superato il problema alla coscia, comincerà a lavorare con lui. Lo scrive La Repubblica.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa