Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma è solida, ma cerca idee da gol

Mourinho

Secondo pareggio consecutivo per la Roma di Mou

Se José Mourinho avesse quei “regali” che ha chiesto fin dai primi giorni in giallorosso, fin dove potrebbe arrivare la Roma? L’impressione è che la risposta possa essere: parecchio in alto. Il tecnico portoghese la differenza la sta facendo, come ha dimostrato anche lo 0-0 nell’amichevole di ieri contro il Siviglia. La partita ha lucidato tutti i dubbi e le certezze messe in mostra in questo precampionato. In attesa di poter lavorare con Vina e Shomurodov, lo Special One finora ha avuto a disposizione solo Rui Patricio tra i nuovi e fra 19 giorni ci sarà l’esordio ufficiale in Conference League.

L’ossessione per la vittoria di Mourinho già si vede e ai tifosi piace. Se ieri il Siviglia ha cercato più il possesso palla, le verticalizzazioni romaniste, soprattutto con Zaniolo, hanno dimostrato di poter fare la differenza. La sensazione è che il potenziale offensivo abbia bisogno di qualcuno da innescare, per questo il nome di Xhaka resta prepotente, nonostante l’Arsenal stia scegliendo la linea dura. Alla luce del bilancio non è detto sia opportuno fare uno sforzo economico per un giocatore di 29 anni, per questo cominciano a circolare alcuni nomi di possibili alternative. Fra questi spicca Thomas Delaney, 29 anni anche lui, in forza al Borussia Dortmund e con il contratto in scadenza il prossimo anno e che quindi potrebbe costare “solo” quei 15 milioni che vorrebbe spendere la dirigenza. Nel mirino resta anche Koopmeiners dell’Az, che però da settimane è in orbita Atalanta. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa