Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Koopmeiners ha fretta: “Situazione che porta stress, un addio è tale solo alle firme”

Koopmeiners

Il centrocampista olandese si è espresso sulle continue voci di mercato

Tanti contatti con diversi club, ma il trasferimento di Teun Koopmeiners sembra non arrivare più. L’Atalanta era in procinto di chiudere l’affare con l’AZ, ma la fumata bianca non è arrivata: anche la Roma è quindi tornata ad osservare il centrocampista, dopo aver visto sfumare l’obiettivo Xhaka.

Il giocatore olandese ha rilasciato alcune dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport, nelle quali ha evidenziato quanto sia stressante la situazione: “Pensavo che sarebbe andato tutto più liscio. Nella mia testa c’è molto da fare. Questa situazione porta stress, perché alla fine ci pensi ogni giorno. Se il trasferimento non avverrà prima dell’inizio della stagione dovrò solo giocare bene e mettere più minuti possibile nelle gambe. Capisco che la gente pensi che io abbia detto addio al club da tempo, ma soprattutto in questo periodo, contraddistinto dal coronavirus, un addio è vero solo al momento delle firme“.

Il calciatore ci tiene però a precisare come non abbia l’imminente necessità di lasciare la sua attuale squadra: “Come ho detto è una situazione stressante, ma riesco ad essere abbastanza calmo, anche perché sono in una situazione di lusso: l’AZ non è un club che voglio lasciare a tutti i costi. I colloqui sono in pieno svolgimento”.

Roma e Atalanta in trattativa? Lui si limita ad un leggero cenno con la testa, andando a confermare le ultime voci di mercato.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato