Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rabbia e orgoglio, questa Roma meritava di più

Pieri Orsato

I giallorossi escono sconfitti dalla sfida con la Juventus, pur non meritando di perdere

Veretout sbaglia il suo primo rigore in giallorosso, la Roma cade ancora allo Stadium. Nessun pareggio che più di altre volte avrebbe meritato in questo viaggio. La Juve, con la carambola aerea Bentancur–Kean, si aggiudica la sfida: 1-0.

Allegri si prende quinto successo di fila, Mourinho torna a casa con il pieno di insulti della tifoseria bianconera e con la rabbia contro Orsato. Mano di Cuadrado sul gol bianconero e rete tolta ad Abrahamquando ha concesso il rigore poi parato da Szczesny. Del resto, questa partita proprio non si può giocare senza veleni.

Eppure in partenza a essere spavalda è la Roma. Szczesny respinge il colpo di testa di Mancini, Chiellinidevia in angolo il destro di Pellegrini. La Juve è come se fosse ancora in letargo. Si sveglierà dopo un quarto d’ora, appena trovato il vantaggio. Non è la prima volta e probabilmente non sarà l’ultima. Il gol subito dai giallorosso sboccia sul lato più fragile del 4-2-3-1: a destra. Zaniolo deve aiutare Karsdorp che spesso perde però la posizione, lasciando libera la sua zona.

Sul cambio di cambio terra cielo di Cuadrado, De Sciglio riceve il pallone. Zaniolo si fa, allungandosi nel tentativo di recuperare, Karsdorp non c’è. Sul cross, colpo di testa di Bentancur e deviazione, casuale, con la fronte di Kean. Cristante e Ibanez le sentinelle addormentate. Ma anche Orsato e, ancor di più, il collaboratore Bresmes si distraggono. Cuadrado, prima di lanciare, si aggiusta il pallone con il braccio. Proteste inutili. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa