Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo ko: distorsione al ginocchio sinistro

Zaniolo

Ansia per il talento giallorosso

Distorsione al ginocchio sinistro. Il che, di per sé, già mette un bel po’ di ansia, non fosse altro perché quel ginocchio lì – il sinistro – è quello vittima del secondo infortunio, quello operato in Austria per la rottura del legamento crociato anteriore destro dopo l’infortunio subito il 7 settembre di un anno fa, con la Nazionale, quando in Olanda Nicolò Zaniolo si accasciò e pianse.

Ieri l’esterno offensivo della Roma si è accasciato un’altra volta, poco dopo la metà del primo tempo, anche se per fortuna stavolta non sembra esserci la gravità di un anno fa. L’ansia però resta, come è giusto che sia, considerando l’importanza del giocatore e la delicatezza della situazione in questione.

In una prima circostanza il problema di Zaniolo sembrava essere di natura muscolare, anche perché l’attaccante giallorosso in campo si toccava il flessore della coscia sinistra. Le smorfie di dolore erano arrivate dopo un paio di appoggi in ricaduta, con tutto il peso del corpo scaricato sul terreno e – quindi – ammortizzato proprio con le ginocchia.

Zaniolo per un po’ ha anche provato ad andare avanti, poi al 26’ si è dovuto arrendere, lasciando il campo adEl Shaarawy. Una volta rientrato negli spogliatoi, però, si è capito che il problema era diverso e – cioè – un trauma in ipertensione del ginocchio e non una questione muscolare. Dallo staff medico della Roma non trapela preoccupazione, anche se ovviamente il giocatore svolgerà subito tutti gli esami del caso, molto probabilmente già oggi a Villa Stuart, la clinica di riferimento della Roma per tutte le questioni mediche e sanitarie.

È chiaro, però, che nella migliore delle ipotesi Zaniolo sarà costretto a saltare la trasferta di Conference League con il Bodo/Glimt di giovedì prossimo, ma probabilmente anche la sfida di domenica pomeriggio al Napoli capolista. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Il tedesco che volava sotto la Curva Sud

Rudi Voeller

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa