Resta in contatto

News

Jorginho sbaglia il rigore, l’Italia pareggia 1-1: ora la sfida decisiva in Irlanda del Nord

Finisce in parità la sfida con la Svizzera

Si ferma dagli 11 metri la speranza di qualificarsi direttamente ai Mondiali in Qatar: l’errore di Jorginho su rigore (calciato alto sopra la traversa) “condanna” l’Italia a vincere l’ultima gara, lunedì a Belfast contro l’Irlanda del Nord, con un vantaggio di due reti sulla Svizzera, avversario che ha venduto cara la pelle nella sfida dell’Olimpico.

Nel primo tempo della sfida, l’Italia gioca una partita ordinata, senza riuscire a trovare mai lo spunto giusto e subendo il gol di Widmer, che ammutolisce l’Olimpico. Nel finale di frazione il gol di testa di Di Lorenzo, che rimette in equilibrio la sfida. Nella ripresa gli Azzurri di Mancini entrano con una testa diversa, attaccano con più convinzione, sprecando diverse occasioni. Quando la gara sembra volgere al termine, il fallo di Garcia su Berardi concede la chance a Jorginho di portare l’Italia ai Mondiali: rincorsa, tiro e pallone scagliato in curva. Tutto rimandato a mercoledì, per il Mondiale bisogna ancora attendere.

TABELLINO

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Acerbi, Emerson (79′ Calabria); Barella (69′ Cristante), Jorginho, Locatelli (58′ Tonali); Chiesa, Belotti (58′ Berardi), Insigne (79′ Raspadori). All. Mancini. A disp. Bernardeschi, Biraghi, Mancini, Meret, Pessina, Scamacca, Sirigu

Svizzera (4-4-2): Sommer; Widmer, Akanji, Schar, Rodriguez (68′ Garcia); Vargas, Zakaria, Freuler, Steffen (68′ Imeri); Shaqiri (79′ Sow), Okafor (79′ Frei). All. Yakin. A disp. Aebischer, Comert, Gavranovic, Itten, Kohn, Mbabu, Omlin, Zeqiri

Arbitro: Taylor (ENG)

Marcatori: 11′ Widmer, 35′ Di Lorenzo

Ammoniti: 43′ Chiesa, 47′ Insigne, 77′ Schar, 81′ Akanji, 87′ Garcia

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News