Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Dalot, da anni nel mirino di Mourinho: tutti gli elogi dello Special One al connazionale

Mourinho Dalot

Diogo Dalot è nel mirino della Roma dei suoi connazionali Pinto e Mourinho. La stima di Mou per il calciatore parte da molto lontano…

In questi giorni Diogo Dalot sembra essere vicinissimo alla Roma di Mourinho. Il terzino portoghese interessa moltissimo ai giallorossi, che necessitano di una pedina in grado di far tirare il fiato a Karsdorp e di poter mandare in prestito Bryan Reynolds, che finora non ha convinto e necessita di esperienza.

Il tecnico giallorosso ha nel mirino il suo connazionale da anni, dal 2018 ai tempi del Manchester United, quando lo paragonò addirittura a Gary Neville. Josè Mourinho ha avuto, per il giovane terzino, sempre importantissime parole d’elogio, eccone alcune:

6 giugno 2018: “Diogo è un difensore estremamente talentuoso, ha tutte le qualità per diventare in fretta un grande calciatore per questa squadra. Ha tutti gli attributi di cui ha bisogno un terzino: fisicità, intelligenza tattica e qualità tecniche, il tutto combinato con la mentalità dell’Academy del Porto“.

9 dicembre 2018: “Tutti sanno che ha un potenziale fantastico. Non voglio fare paragoni, soprattutto per il numero di trofei, ma probabilmente lui ha gli stessi anni che aveva Gary Neville al suo arrivo in prima squadra. Probabilmente può seguire i passi di Neville ed essere il terzino dello United per più di 10 anni“.

La stima tra i due connazionali è ricambiata, infatti anche il terzino ha spesso elogiato pubblicamente lo Special One, come accaduto il 29 novembre del 2018: 

“José è stato una grande influenza per il mio arrivo qui. È stato molto importante. Mi ha spinto a venire qui e il modo in cui ha creduto in me è stato molto positivo. Ecco perché sono qui, José è uno dei grandi motivi per cui sono qui”.

Il giovane terzino ha ribadito la sua stima nei confronti del tecnico anche il 6 dicembre 2018, quando dichiarò:

Jose Mourinho trasferisce a tutta la sua esperienza e la sua conoscenza del calcio a tutti noi, non solo a me”.

Infine, per la terza volta nel gennaio 2021, sono state queste le parole del calciatore nei confronti del tecnico portoghese:

“Quando ha detto che ero il miglior terzino d’Europa? È stata una frase che ho tenuto con me fino ad oggi. Che l’abbia detta lui è ancora più speciale perché sappiamo tutti che è un allenatore fantastico, uno dei migliori di sempre e quella frase mi ha dato un po’ più di responsabilità”.

Adesso Diogo Dalot è il primo nome per la fascia sul taccuino di Pinto e Mourinho e, la stima reciproca che c’è tra i due connazionali, ci auguriamo possa far da collante per la buona riuscita della trattativa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti