Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini è pronto: la Roma sorride

Il ritorno del capitano giallorosso

Il rientro più atteso, giovedì a San Siro contro il Milan nella partita di inizio 2022. Dove riapparirà il giocatore che fin qui ha fatto la differenza. L’identikit è inequivocabile. “Capisce il calcio, è intelligente. Se ne avessi tre in squadra, li farei giocare tutti…”. La benedizione è di José Mourinho, il 25 agosto, alla vigilia della prima partita ufficiale all’Olimpico di questa stagione, il playoff di ritorno di Conference League contro il Trabzonspor.

Lo Special One, parlando di Lorenzo Pellegrini, è andato oltre tutti i colleghi che lo hanno preceduto alla Roma, tecnici che hanno comunque apprezzato il lavoro in campo del capitano, considerandolo fondamentale per qualsiasi sistema di gioco, e ai quali va aggiunto anche Roberto Mancini che lo ha dovuto escludere dalla lista dei convocati per l’Europeo a poco più di 24 ore dal debutto contro la Turchia. Il ruolo non conta. Né per il portoghese né per il ct della Nazionale. Basta la presenza, perché il venticinquenne sa come comportarsi dal centrocampo in su, a prescindere dal compito che gli viene riservato.

Pellegrini, dunque, ci sarà contro i rossoneri di Pioli. Ricomincia dal girone di ritorno dopo aver saltato le ultime 6 gare del 2021, addirittura 5 di campionato e quella di Sofia in Conference. Lo ha fermato una lesione al quadricipite della coscia destra. Meno di un quarto d’ora in campo contro il Torino e la resa lo scorso 28 novembre.

Quel giorno ha dato appuntamento al nuovo anno. Infortunio serio, insomma. Così Lorenzo ha faticato per recuperare nel minor tempo possibile. Il 27 dicembre si è presentato in anticipo a Trigoria, tagliandosi le ferie (i compagni sono tornati il 31, ma solo per essere sottoposti ai tamponi: hanno poi ripreso l’1 gennaio), per avere la certezza di tornare a disposizione per la trasferta di Milano. Gesto da capitano. E da romanista. Apprezzato dal club, dall’allenatore, dalla squadra e dalla piazza. Pellegrini ha spinto sull’acceleratore durante le feste. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa