Resta in contatto

Rassegna Stampa

Xhaka il peccato originale: la Roma ha perso un anno

Xhaka

Il centrocampista svizzero dell’Arsenal era l’uomo d’ordine indicato da Mourinho

“Dal punto di vista personale quest’estate pensavo che la squadra avesse un livello superiore a quello che abbiamo. Pensavo fosse più facile da migliorare. Si risolverebbe facilmente solo con tanti soldi. Noi invece non possiamo cambiare 5-6 giocatori, non possiamo fare pazzie“.

Questo è il “de profundis” alla stagione fatto da José Mourinho al termine di Roma–Juventus 3-4, non sconfitta in 21 giornate di campionato. La classifica parla chiaro: il distacco dal quarto posto è di 9 punti e l’Atalanta ha anche una partita da recuperare. Se possibile, il campo parla ancora più chiaramente: la Roma ha vissuto alla grande solo una giornata, proprio a Bergamo contro la squadra di Gasperini.

Mou ha sottolineato che Maitland-Niles e Sergio Oliveira arriveranno in prestito.  Vorrebbe fare la rivoluzione ma sa che non è possibile. Lo Special One ha la sua parte di responsabilità nei risultati della squadra: non è vero che la Roma è una squadra scarsa e, soprattutto, sotto la sua gestione i miglioramenti dei calciatori a disposizione sono stati troppo pochi.

Su una cova un altro anno di prestito da portare a termine. Xhaka è l’identikit del calciatore “cattivo” che Mourinho vuole in squadra. Ci vuole “personalità”, da figlio di kosovari, per fare il gesto dell’aquila sotto il naso dei calciatori serbi (vittoria della Svizzera al Mondiale di Russia e caso internazionale).

Adesso arriva Sergio Oliveira, che ha caratteristiche diverse da Xhaka ma che ha il placet di Mourinho. A fine stagione saranno in tanti sulla lista degli indesiderati, ma resta sempre il problema su come e dove piazzarli. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa