Resta in contatto

Rassegna Stampa

Abraham meglio di Voeller e Dzeko: la Roma si consola col nuovo bomber

I numeri del bomber inglese stanno impressionando tutti al primo anno in Italia

In tanti lo avevano già bollato come “nuovo Iturbe”, termine di paragone per i calciatori sopravvalutati che nella Capitale hanno fallito. Invece Tammy Abraham ci ha messo solo metà stagione per prendersi la Roma.

Un ambientamento record, soprattutto se paragonato a tanti grandi numeri 9 del passato: due monumenti come Rudi Voeller e Edin Dzeko, ad esempio, alla loro prima stagione hanno faticato molto di più rispetto all’inglese, anche dal punto di vista realizzativo.

Il “tedesco che vola” chiuse il suo primo anno romanista con 5 gol in 28 presenze mentre il bosniaco, terzo marcatore della storia giallorossa con 119 reti, si era fermato a 10. Con il gol segnato alla Juventus, l’ex Chelsea è invece già arrivato a 14 reti (8 in serie A e 6 in Conference League) in 27 presenze.

Il suo 2022 è iniziato nel migliore dei modi, con i gol contro il Milan e contro i bianconeri, che però non hanno portato punti alla Roma; la doppietta a Bergamo, invece, ha portato una vittoria, poi seguita da un solo punto (il pareggio interno con la Sampdoria) nelle tre partite successive.

Domenica contro il Cagliari, Abraham ritroverà il suo “gemello” Zaniolo, tornato a disposizione di Mourinho dopo lo stop che lo ha costretto a saltare la gara con la Juventus. Il suo rientro sarà la prova del nove anche per capire se lo Special One tornerà al 3-5-2 (rispetto al match con la Juventus ritroverà anche Mancini ma perderà Ibanez), o proseguirà con il 4-2-3-1rispolverato contro i bianconeri. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa